RECYCLE RACING 2013

“Il consumatore è un lavoratore che non sa di lavorare.”

Jean Baudrillard

Alviani ArtSpace, spazio di ricerca e sperimentazione sul contemporaneo all’interno dell’Aurum di Pescara diretto da Lucia Zappacosta, con il patrocinio del Comune di Pescara, Assessorato alla Cultura, presenta, domenica 8 Settembre alle ore 19.30, la sesta mostra della stagione espositiva: Recycle Racing 2013 l’ultima fase del progetto ideato dell’artista marchigiano Marco Bernacchia a cura di Stefano Verri.

“L’artista indaga, nel modo ironico e sagace che da sempre lo contraddistingue, la dimensione urbana ed il rapporto uomo-oggetto, portando, con Recycle Racing una raffinata testimonianza del degrado delle città e del consumismo dilagante. Una storia di oggetti, di biciclette che invecchiano prematuramente e vengono abbandonate agli angoli delle strade, distrattamente dimenticate magari legate ad un palo. Una storia di oggetti, di biciclette che attraverso l’azione artistica riacquistano la dignità, ritrovano una loro funzione e tornano a concorrere per poi assurgere ad opera d’arte. Una storia di riciclaggio che rende l’arte un azione sostenibile. La spettacolarizzazione di un gesto semplice diventa per l’artista il modo di sensibilizzare ed educare il pubblico a temi fondamentali per la conservazione del pianeta.” (Stefano Verri)

Il progetto Recycle Racing è stato ideato da Marco Bernacchia e nel 2010 sono state realizzare le prime tre fasi in collaborazione con la galleria White Project di Pescara.
In collaborazione con Alviani ArtSpace si porterà a compimento la quarta ed ultima fase.

Ed il ciclo continua…

 

RECYCLE RACING 2013

MARCO BERNACCHIA

DOMENICA 8 SETTEMBRE h. 11 – 20 PIAZZA SANTA CATERINA -> PEDALATA -> h. 21 ALVIANI ARTSPACE

DOMENICA 15 SETTEMBRE h. 19 ALVIANI ARTSPACE

da martedì 10 a domenica 15 settembre dalle 19 alle 23,30

ALVIANI ARTSPACE / AURUM / PESCARA

Related projects
Friche. Fragile e immortale

Mostra personale di Laura Cionci a cura di Lucia Zappacosta ❝Un giorno la paura bussò alla porta, il coraggio si alzò e andò ad aprire e vide che non c’era nessuno.❞ Martin Luther King –   Alviani ArtSpace, spazio di ricerca e di contaminazione tra linguaggi artistici e tecnologici, all’interno dell’Aurum di Pescara, a partire

Here and Now

Alviani ArtSpace presenta sabato 11 novembre alle ore 18 Here and Now la mostra personale di Ilaria Biotti, a cura di Lucia Zappacosta, realizzata grazie alla collaborazione con Peninsula Berlino e Abruzzo Mindfulness e che si inserisce all’interno del FLA.
Ilaria Biotti artista premiata alla fiera di Bologna SetUp 2017 come premio OFF esplora con 8Min20Sec – On Time Travelling il tema dell’equilibrio attraverso la pratica della Mindfulness (consapevolezza), ovvero la capacità di focalizzare l’attenzione sul momento presente in equilibrio tra il prima e il poi.

STONER. Landing Pages

STONER. Landing Pages è la prima mostra d’arte contemporanea liberamente ispirata al romanzo Stoner di John Williams e finanziata attraverso un crowdfunding. Il progetto, curato da Cinzia Compalati e Andrea Zanetti, ha la sua anteprima nazionale al #FLA Pescara Festival  all’interno della programmazione dell’Alviani ArtSpace. Stoner è un caso letterario che ha appassionato migliaia di

DISPIEGAMENTI

Mostra personale di Gino Sabatini Odoardi A cura di Daniela Pietranico Testo critico di Antonio Arévalo ❝Il chiaro si immerge sempre nello scuro. E il chiaroscuro riempie la monade, secondo una serie che si può percorrere nei due sensi: a una estremità il fondo scuro, dall’altra la luce sigillata.❞ Gilles Deleuze Alviani ArtSpace, spazio di


MICRONAZIONI

Immagini, testi, documenti e souvenir dal mondo delle micronazioni a cura di Nicola Battista e Nicola D’Agostino Abitereste in un paese che non esiste? Che non è riconosciuto dalla comunità internazionale e neppure figura su carte geografiche o navigatori GPS? Che emette francobolli e monete, fa sventolare bandiere dai colori improbabili, concede la cittadinanza o

PARTS

COMUNICATO STAMPA Parts Mostra personale di Lorenzo Kamerlengo a cura di Alberta Romano ❝Il Gatto rideva anche lui, ma per non darlo a vedere, si pettinava i baffi colle zampe davanti. – C’è poco da ridere – gridò Pinocchio impermalito.❞ Carlo Collodi Alviani ArtSpace, spazio di ricerca e di contaminazione tra linguaggi artistici e tecnologici,

LUCCIOLE

Alviani ArtSpace, spazio di ricerca e di contaminazione tra linguaggi artistici e tecnologici, all’interno dell’Aurum di Pescara, diretto da Lucia Zappacosta, riapre i suoi spazi nella giornata del contemporaneo con LUCCIOLE, la mostra personale di Elena Bellantoni, a cura di Antonello Tolve, sabato 10 ottobre 2015 alle ore 19.30.
Nata dalla rilettura dello scritto corsaro di Pasolini pubblicato il 1° febbraio 1975, Lucciole, primo lavoro che apre il nuovo programma espositivo dedicato alla luce nel suo anno internazionale (IYL15), è un dispositivo che sovrappone la storia personale dell’artista a quella politica del Belpaese per invitare lo spettatore a riflettere, a ricordare.

TRANSCENDANCE

Alviani ArtSpace, spazio di ricerca sul contemporaneo, presenta “Transcendance” la mostra personale di Umberto Ciceri a cura di Lucia Zappacosta a  conclusione della seconda stagione espositiva dedicata al tema del “suono nella sua assenza” e come trait union alla stagione espositiva del prossimo anno dedicata al “volume della luce”, in occasione del 2015 Anno Internazionale della Luce


D/A/C

D/A/C, acronimo di Denominazione Artistica Condivisa, è un progetto, oltre che un brand, nato da un’idea di RAM Radio Arte Mobile, che sottintende ad un dialogo tra imprenditori, artisti ed operatori culturali con l’obiettivo di creare una rete connessa tra arte e impresa ovvero tra creatività e produzione. A Pescara il prossimo 22 novembre si

ASCOLTARE PIÙ DI UNO DI ME

La terza mostra della seconda stagione espositiva dell’Alviani ArtSpace, spazio di ricerca e sperimentazione sul contemporaneo all’interno dell’Aurum di Pescara, diretto da Lucia Zappacosta, è la personale di Alessandro Cannistrà “Ascoltare più di uno di me” a cura di Marco Izzolino. Si tratta di un’installazione, un’opera d’arte totale, che predilige il linguaggio della latenza e