REDISCOVER | DOCUMENTI DEGLI ANNI ’70 PER LA STAGIONE IN ATTO

La settima mostra della stagione espositiva dell’Alviani ArtSpace, spazio di ricerca e sperimentazione dell’Aurum sul contemporaneo, diretto da Lucia Zappacosta, con il patrocinio del Comune di Pescara, Assessorato alla Cultura, è “Rediscover. Documenti degli anni ’70 per la stagione in atto” che inaugura domenica 10 novembre alle ore 18,00.

Un evento imperdibile che, attraverso la riscoperta degli anni ’70 e degli eventi che in quegli anni si svolsero a Pescara, intende porre l’attenzione sulla realtà artistica contemporanea molto stimolata all’utilizzo degli strumenti adatti alla messa in atto delle trasformazioni che determineranno i nuovi percorsi dell’Arte.

Si tratta per lo più di intuizioni che dovrebbero molto concretamente dar seguito al tanto sospirato superamento delle situazioni di stallo e al tempo stesso di confusione in atto. Si rintracciano per questo tempi, pensieri e gesti per lo più legati a vicende della storia, assolutamente da riconsiderare, per una migliore emancipazione socio-culturale delle nuovissime generazioni.
Il progetto, per scelte legate agli aspetti delle rivalutazioni territoriali, rivolge la propria attenzione a un ristretto numero di talenti locali, appartenenti alle logiche dello scenario dell’arte visiva contemporanea. Sono ragazzi che vantano formazioni acquisite in ambiti nazionali e internazionali che si stanno avvicinando alle prime esperienze del sistema.
Il nucleo di giovani autori, scelti per l’occasione, sarà invitato ad accostarsi, in modo completamente individuale, alle realtà e alle documentazioni di quegli eventi che hanno rappresentato quel fertilissimo periodo dell’arte nella nostra città: gli anni ‘70.
Sarà un’esposizione che vedrà selezionati e ordinati, dagli stessi 8 giovani artisti under 30, Iolanda Di Bonaventura, Antonio Di Biase, Simone Camerlengo, Caterina De Nicola, Lorenzo Kamerlengo, OLDRgR, Bruno Cerasi e Vice, documenti e reperti che appartengono all’Archivio Bianchini.

La mostra, allestita presso l’Aurum nell’Alviani ArtSpace, oltre che innovativa e sperimentale, offrirà varie sorprese tra cui una carrellata di immagini del costume degli anni ‘70, tutte tratte dai repertori dell’epoca, ricchissima di personaggi e avvenimenti, che farà da introduzione all’esposizione.
L’allestimento verterà soprattutto sulla rivisitazione documentaria di molti eventi che si svolsero a Pescara che in quel tempo godeva di una grande attenzione sia nel mondo dell’arte che in altri contesti. Non a caso noti artisti e operatori culturali di altissimo profilo a quel tempo erano assidui frequentatori della città.

Il convegno sugli anni ’70 organizzato per il 7 Dicembre, sarà una valida occasione per rinverdire il passato rileggendo immagini e documenti di allora. Al tempo stesso, e in modo del tutto augurale, ammirare con interesse le opere dei giovanissimi autori create appositamente per l’occasione. Sicuramente saranno lavori prodotti attraverso un forte confronto con la storia nonché con strumenti e materiali diversi, di ultima generazione, coniugati con una libertà di linguaggi che per molti versi riportano a quelli degli anni 70, quando regnava un clima totalmente nebuloso contraddistinto dalla mancanza di uno stile riconoscibile ma, affollato più che mai, da una infinità di eventi che ne decretavano l’importanza e il valore del momento storico che si viveva.

REDISCOVER.
DOCUMENTI DEGLI ANNI ’70 PER LA STAGIONE IN ATTO
10 NOVEMBRE 2013 dalle ore 18,00

LINE UP | Iolanda Di Bonaventura, Antonio Di Biase, Simone Camerlengo, Caterina De Nicola, Lorenzo Kamerlengo, OLDRgR, Bruno Cerasi e Vice
DOCUMENTI | Archivio Bianchini

REDISCOVER ’70 | CONVEGNO | DOMENICA 7 DICEMBRE ORE 11 | SALA TOSTI | AURUM

Fino al 15 Dicembre dalle 15,30 alle 19,30
dal martedì alla domenica | lunedì chiuso | INGRESSO LIBERO
Alviani ArtSpace | Aurum | Pescara

Related projects
Friche. Fragile e immortale

Mostra personale di Laura Cionci a cura di Lucia Zappacosta ❝Un giorno la paura bussò alla porta, il coraggio si alzò e andò ad aprire e vide che non c’era nessuno.❞ Martin Luther King –   Alviani ArtSpace, spazio di ricerca e di contaminazione tra linguaggi artistici e tecnologici, all’interno dell’Aurum di Pescara, a partire

Here and Now

Alviani ArtSpace presenta sabato 11 novembre alle ore 18 Here and Now la mostra personale di Ilaria Biotti, a cura di Lucia Zappacosta, realizzata grazie alla collaborazione con Peninsula Berlino e Abruzzo Mindfulness e che si inserisce all’interno del FLA.
Ilaria Biotti artista premiata alla fiera di Bologna SetUp 2017 come premio OFF esplora con 8Min20Sec – On Time Travelling il tema dell’equilibrio attraverso la pratica della Mindfulness (consapevolezza), ovvero la capacità di focalizzare l’attenzione sul momento presente in equilibrio tra il prima e il poi.

STONER. Landing Pages

STONER. Landing Pages è la prima mostra d’arte contemporanea liberamente ispirata al romanzo Stoner di John Williams e finanziata attraverso un crowdfunding. Il progetto, curato da Cinzia Compalati e Andrea Zanetti, ha la sua anteprima nazionale al #FLA Pescara Festival  all’interno della programmazione dell’Alviani ArtSpace. Stoner è un caso letterario che ha appassionato migliaia di

DISPIEGAMENTI

Mostra personale di Gino Sabatini Odoardi A cura di Daniela Pietranico Testo critico di Antonio Arévalo ❝Il chiaro si immerge sempre nello scuro. E il chiaroscuro riempie la monade, secondo una serie che si può percorrere nei due sensi: a una estremità il fondo scuro, dall’altra la luce sigillata.❞ Gilles Deleuze Alviani ArtSpace, spazio di


MICRONAZIONI

Immagini, testi, documenti e souvenir dal mondo delle micronazioni a cura di Nicola Battista e Nicola D’Agostino Abitereste in un paese che non esiste? Che non è riconosciuto dalla comunità internazionale e neppure figura su carte geografiche o navigatori GPS? Che emette francobolli e monete, fa sventolare bandiere dai colori improbabili, concede la cittadinanza o

PARTS

COMUNICATO STAMPA Parts Mostra personale di Lorenzo Kamerlengo a cura di Alberta Romano ❝Il Gatto rideva anche lui, ma per non darlo a vedere, si pettinava i baffi colle zampe davanti. – C’è poco da ridere – gridò Pinocchio impermalito.❞ Carlo Collodi Alviani ArtSpace, spazio di ricerca e di contaminazione tra linguaggi artistici e tecnologici,

LUCCIOLE

Alviani ArtSpace, spazio di ricerca e di contaminazione tra linguaggi artistici e tecnologici, all’interno dell’Aurum di Pescara, diretto da Lucia Zappacosta, riapre i suoi spazi nella giornata del contemporaneo con LUCCIOLE, la mostra personale di Elena Bellantoni, a cura di Antonello Tolve, sabato 10 ottobre 2015 alle ore 19.30.
Nata dalla rilettura dello scritto corsaro di Pasolini pubblicato il 1° febbraio 1975, Lucciole, primo lavoro che apre il nuovo programma espositivo dedicato alla luce nel suo anno internazionale (IYL15), è un dispositivo che sovrappone la storia personale dell’artista a quella politica del Belpaese per invitare lo spettatore a riflettere, a ricordare.

TRANSCENDANCE

Alviani ArtSpace, spazio di ricerca sul contemporaneo, presenta “Transcendance” la mostra personale di Umberto Ciceri a cura di Lucia Zappacosta a  conclusione della seconda stagione espositiva dedicata al tema del “suono nella sua assenza” e come trait union alla stagione espositiva del prossimo anno dedicata al “volume della luce”, in occasione del 2015 Anno Internazionale della Luce


D/A/C

D/A/C, acronimo di Denominazione Artistica Condivisa, è un progetto, oltre che un brand, nato da un’idea di RAM Radio Arte Mobile, che sottintende ad un dialogo tra imprenditori, artisti ed operatori culturali con l’obiettivo di creare una rete connessa tra arte e impresa ovvero tra creatività e produzione. A Pescara il prossimo 22 novembre si

ASCOLTARE PIÙ DI UNO DI ME

La terza mostra della seconda stagione espositiva dell’Alviani ArtSpace, spazio di ricerca e sperimentazione sul contemporaneo all’interno dell’Aurum di Pescara, diretto da Lucia Zappacosta, è la personale di Alessandro Cannistrà “Ascoltare più di uno di me” a cura di Marco Izzolino. Si tratta di un’installazione, un’opera d’arte totale, che predilige il linguaggio della latenza e